Lenti telescopiche contro la maculapatia: intervento innovativo all’ospedale Maggiore di Novara

lenti telescopiche contro la maculapatia

L’azienda ospedaliero-universitaria tra i primi centri in Italia ad effettuare questo tipo di intervento


L’azienda ospedaliero-universitaria di Novara è tra i primi centri in Italia ad effettuare l’impianto di dispositivi Sing Imt Tm, un impianto telescopico galileiano progettato per migliorare la vista e la qualità visiva di pazienti affetti da degenerazione maculare senile avanzata (Amd): gli interventi sono stati eseguiti nei giorni scorsi dal prof. Stefano De Cillà (direttore della Struttura di oculistica dell’Aou) e dalla sua equipe.

“L’impianto di questi telescopi miniaturizzati – spiega il prof. De Cillà – avviene dopo un intervento di rimozione del cristallino del paziente con una gestione chirurgica leggermente più complessa. L’operazione si effettua in anestesia locale attraverso l’instillazione di gocce oculari e una infiltrazione peribulbare. I pazienti sottoposti all’intervento seguiranno poi un percorso riabilitativo con specialisti dell’ipovisione ed ortottisti esperti in riabilitazione visiva per imparare a sfruttare al meglio la loro nuova visione ingrandita”.

Le immagini sono infatti ingrandite 2.7x e proiettate su aree sane e non danneggiate della macula, riducendo l’impatto del “punto cieco” centrale causato dall’Amd e permettendo ai pazienti di vedere immagini che prima erano irriconoscibili. L’obiettivo di questo percorso è restituire ai pazienti la possibilità di svolgere attività come leggere, scrivere, guardare la televisione, riconoscere il volto dei propri cari e prendersi cura di se stessi. La Sing Imt è indicata per l’impianto monoculare in pazienti di età superiore a 55 anni con Amd avanzata e un’acuità visiva severamente compromessa che non abbiano ancora effettuato l’intervento di cataratta.

La degenerazione maculare legata all’età (Amd o Dmle) è una malattia legata all’invecchiamento che colpisce la macula, la porzione più centrale della retina e sede della visione distinta. Attualmente è considerata la prima causa di cecità centrale nei Paesi sviluppati e la terza in assoluto. L’incidenza dell’Amd è rara prima dei 55 anni, aumenta in maniera esponenziale dopo i 75 anni. Si distingue in una forma umida (o essudativa) e una secca (o atrofica). I sintomi caratteristici della malattia sono rappresentati da una riduzione della visione centrale, uno sfuocamento delle parole nella lettura, un’area scura al centro del campo visivo (scotoma) e una distorsione delle linee dritte (metamorfopsie). La distorsione delle immagini è un sintomo frequente all’insorgere della degenerazione maculare essudativa e deve indurre ad una visita oculistica urgente.

“Ancora una volta – afferma il direttore generale dell’Aou, il dott. Gianfranco Zulian – la nostra azienda ospedaliero-universitaria conferma le proprie eccellenze”.

GDPR

  • Privacy Policy
  • Cookie

Privacy Policy

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy.

Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Cookie

Questo Sito utilizza cookie per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti.